Briciole di Emozioni e di Web…Fasix

…volevo cambiare il Mondo, ma il Mondo ha cambiato me.

Posts Tagged ‘Morte

Blog

with 2 comments

Written by Fasix

4 ottobre 2011 at 22:07

Pubblicato su Amicizia, Economia, Emozioni, Hobby, Passione

Tagged with , , ,

11/09/2011

with 2 comments

Sono passati 10 anni,

si sono dette molte cose a favore e contro,

si diranno altrettante cose, ci sono ricordi, emozioni, lutti che affiorano,

ci sarà gente che piange e anche chi la ricorderà come una vittoria sugli States.

Non voglio esprimermi, terrò dentro le mie emozioni e giudizi,

di certo non posso non ricordare chi ha subìto ed è morto,

chi ha dato la vita per salvarne altre e chi la persa dopo per gli avvenimenti

che ne sono seguiti. Comunque la stupidità umana e l’odio verso il

prossimo non vanno mai giustificati e non li perdonerò Mai da nessuna delle parti.

Fa.

 

Written by Fasix

11 settembre 2011 at 11:29

Pubblicato su Emozioni

Tagged with , , , , , ,

Ictus Cerebrale

with 3 comments

PRENDETEVI 2 MINUTI PER LEGGERLO….. PUO’ AIUTARE A SALVARE DELLE VITE

 

Una piccola pausa per una grande informazione

 

Come riconoscere un’ictus cerebrale………Durante una grigliata Federica cade.Qualcuno vuole chiamare l’ambulanza ma Federica rialzandosi dice di essere inciampata con le scarpe nuove.Siccome era pallida e tremante la aiutammo a rialzarsi.Federica trascorse il resto della serata serena ed in allegria.Il marito di Federica mi telefonò la sera stessa dicendomi che aveva sua moglie in ospedale.Verso le 23.00 mi richiama e mi dice che Federica è deceduta.

 

Federica ha avuto un’ictus cerebrale durante la grigliata.Se gli amici avessero saputo riconoscere i segni di un ‘ictus, Federica sarebbe ancora viva.

 

La maggior parte delle persone non muoiono immediatamente.Basta 1 minuto per leggere il seguito:

 

 

Un neurologo sostiene che se si riesce ad intervenire entro tre ore dall’attacco si può facilmente porvi rimedio.Il trucco è riconoscere per tempo l’ictus!!!Riuscire a diagnosticarlo e portare il paziente entro tre ore in terapia.Cosa che non è facile.

 

Nei prossimi 4 punti vi è il segreto per riconoscere se qualcuno ha avuto un’ictus cerebrale:

 

 

 

* Chiedete alla persona di sorridere (non ce la farà);

 

 

 

* Chiedete alla persona di pronunciare una frase completa (esempio: oggi è una bella giornata) e non ce la farà;* Chiedete alla persona di alzare le braccia (non ce la farà o ci riuscirà solo parzialmente);

 

 

 

* Chiedete alla persona di mostrarvi la lingua (se la lingua è gonfia o la muove solo lateralmente è un segno di allarme).Nel caso si verifichino uno o più dei sovra citati punti chiamate immediatamente il pronto soccorso.Descrivete i sintomi della persona per telefono.

 

 

 

Un medico sostiene che se mandate questa è- mail ad almeno 10 persone,si può essere certi che avremmo salvato la vita di Federica, ed eventualmente anche la nostra.

 

 

 

Quotidianamente mandiamo tanta spazzatura per il Globo, usiamo i collegamenti per essere d’aiuto a noi ed agli altri.

 

Written by Fasix

10 settembre 2011 at 16:54

Fuori dal Coro

with 4 comments

Fuori Dal Coro by Saint Ange

E’ sempre così,

vorrei ma mi rendo conto che non ci riesco.

Spesso sempre, vorrei sentirmi diverso,

non essere quello che come tutti compra da Ikea,

che mangia da Mc Donalds, che segue il gregge.

Vorrei pensare da solo, vorrei fare scelte mie, andare contro corrente.

Fare scelte fuori dal coro….ma poi che succede?

Facciamo scelte che altri cori hanno pensato per noi,

scelte contro una corrente, ma che inevitabilmente andranno

nella direzione dell’altra forte e potente corrente.

Forse, anzi ne sono sicuro, una sarà la mia

vera scelta fuori dal coro…

così come nel venire, sarà anche il dipartire dal

palcoscenico della vita, una scelta solitaria,

la vera scelta fuori dal Coro.

Un bacio a tutti, Fa.

 

Written by Fasix

10 luglio 2011 at 11:48

Il ricordo di una Amica

with one comment

Amore, Coraggio
e tanta voglia di Vivere
 
Giovedì 30 marzo 2006. Diagnosi: Leucemia Acuta Mieloide.
Un attimo di silenzio: aspettavo di sentire qualcosa….niente!
Ero calma, stranamente il mondo non mi crollava addosso.
Sapevo che era curabile e non avevo intenzione di arrendermi.
Raccolte le mie energie ho iniziato a camminare, passo dopo
passo, aspettavo il crollo ma invece, come quando andavo in
montagna, concentrandomi sul presente, la forza si rinnova
ed io andavo avanti.
La degenza in ospedale è stata lunga e non senza problemi,
l’esperienza è di quelle che ti cambiano la vita, ma in meglio.
Dopo nove mesi la ricaduta e non avendo famigliari compatibili,
il trapianto di midollo da un donatore volontario: l’incontro
con la solidarietà non è da tutti i giorni.
E’ stato importante reagire sempre e non perdere mai la speranza
ma soprattutto il buon umore e l’ironia: sono stata attorniata
da persone sorridenti.
 
Patrizia Merlin. (+ 29/12/2007)
 
 
 

Image Hosted by ImageShack.us

Written by Fasix

2 febbraio 2008 at 11:27

Pubblicato su Amicizia, Emozioni

Tagged with , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: