Briciole di Emozioni e di Web…Fasix

…volevo cambiare il Mondo, ma il Mondo ha cambiato me.

Posts Tagged ‘Sole

Giusy Ferreri – Volevo te

with 4 comments

Quando piove che cos’è che mi fa star bene
Che succede dentro me che non so spiegare
Le parole mancano, sembrano svanire
Certe cose iniziano ma non hanno fine

Ma io volevo te
Chiudevo gli occhi per vedere te
Aprivo gli occhi per vedere il sole
Il sole, ma vedevo te

Ma io volevo te
Chiudevo gli occhi per vedere te
Aprivo gli occhi per vedere il sole
Il sole, ma vedevo te

Quando stavo insieme a te
Non sapevo bene
Che l’amore è un limite, oltre non puoi andare
Le parole mancano, sembrano svanire
Certe cose iniziano ma non hanno fine

Ma io volevo te
Chiudevo gli occhi per vedere te
Aprivo gli occhi per vedere il sole
Il sole, ma vedevo te

Ma io volevo te
Chiudevo gli occhi per vedere te
Aprivo gli occhi per vedere il sole
Il sole

E passano

Annunci

Written by Fasix

28 novembre 2016 at 10:20

Stonehenge

with 4 comments

Patrimonio dell’Umanità per l’UNESCO

Stonehenge

Stonehenge, sito Patrimonio dell’Umanità per l’UNESCO, è uno dei più importanti monumenti preistorici del mondo. La sua costruzione risale a 5.000 anni fa, e a lungo si è dibattuto sull’uso cui il sito fosse originariamente destinato.
Si erge su una collinetta situata nel mezzo di una vasta area pianeggiante della campagna dello Wiltshire, non lontano da Salisbury. Arrivando in auto, le enormi pietre si svelano all’occhio del visitatore già da lontano. Non potrai fare a meno di provare meraviglia, un’emozione grandissima e magari anche un po’ di timore alla vista della dimensione delle pietre, che ti lasceranno letteralmente senza fiato. Anche se le ha già viste in centinaia di foto, ne rimarrai stupefatto.

Il complesso megalitico di Stonhenge è composto da due anelli concentrici di pietre, circondate da un solco scavato profondamente nel terreno. Si pensa che la costruzione avvenne per stadi, durante un periodo di circa 1.600 anni. Tra le pietre ci sono massi di arenaria silicea e pietre provenienti dal Galles occidentale, che viaggiarono per più di 240 miglia per raggiungere lo Wiltshire. Le pietre più pesanti pesano circa 50 tonnellate: per muovere ognuna di esse sarebbe stata necessaria la forza di 600 uomini!

Ancora oggi non è certo quale fosse lo scopo per cui il sito venne eretto. Alcuni pensano si trattasse di un tempio dedicato agli dei, altri pensano fosse un osservatorio astronomico o un calendario preistorico, per via del modo in cui le pietre si allineano alla luce del sole e della luna. Le teorie sono molte ma una solo cosa è certa: Stonehenge è sopravvissuto per migliaia di anni e, qualunque cosa ne pensiate, non potrete negare che la sua esistenza sia legata a qualcosa di sacro.

Per visitare il sito da vicino è necessario acquistare un biglietto d’ingresso ma, anche al di fuori della recinzione, è possibile vederlo abbastanza bene. Inoltre ci sono altri monumenti preistorici ad ingresso libero nelle vicinanze, primi fra tutti i siti megalitici di Avebury e Woodhenge.

Avebury circle è il più grande cerchio di pietre di tutta Europa: è talmente grande che l’intero villaggio di Avebury si sviluppa al suo interno. E’ un luogo magnifico dove sostare e rilassarsi: potrai girare liberamente tra le pietre, fare un pic nic sull’erba e persino tentare di misurare la lunghezza del fossato che circonda il cerchio. Inoltre, potrai esplorare il villaggio, visitare Avebury Manor and Garden e i suoi giardini, o gustarti un drink al pub locale… nel bel mezzo delle stupende pietre millenarie.

Un Omaggio al Solstizio d’Estate.

Written by Fasix

23 giugno 2013 at 12:41

Impressioni di Settembre

with 8 comments

Quante gocce di rugiada intorno a me 
cerco il sole ma non c’è 
Dorme ancora la campagna o forse no 
è sveglia 
mi guarda 
non so 
Già l’odore della terra 
odor di grano 
sale adagio verso me 
e la vita nel mio petto batte piano 
respiro la nebbia 
penso a te 
Quanto verde tutto intorno 
e ancor più in là 
sembra quasi un mare l’erba
e leggero il mio pensiero vola e va 
ho quasi paura che si perda 
Un cavallo tende il collo verso il prato 
resta fermo come me 
Faccio un passo 
lui mi vede 
è già fuggito 
respiro 
la nebbia 
penso a te 
No cosa sono adesso non lo so 
sono un uomo 
un uomo in cerca di se stesso 
No cosa sono adesso non lo so 
sono solo 
solo il suono del mio passo 
e in tanto il sole 
tra la nebbia filtra già 
il giorno 
come sempre 
sarà….

Written by Fasix

6 aprile 2013 at 19:44

Ti Amo

with 4 comments

Chagal

Vorrei poter descrivere il mio amore per te…
trovare parole mai pronunciate
termini mai coniati…
parole preziose
come monete d’oro
che nascono dal mio cuore
per offrirle a te.
Quando ti guardo negli occhi
io mi ritrovo…
nulla unisce più dello sguardo…
perchè l’occhio sa’ accarezzare meglio della mano
e mi sazio di parole e tenerezze che mi
offri quando mi guardi.
Tu sei sempre lì, in ogni mio pensiero, in ogni angolo del mio cuore
il mio amore per te invade tutto ciò che ci circonda,
le piante
il cielo,
la gente,
i tramonti e le albe,
tutto mi parla di te…
Ti amo perche’ sei più bella del sole e del
Mare…
piu preziosa di ogni tesoro…
sei la ricchezza del mio cuore.
Tu sei l’ amore che vive dentro di me

Written by Fasix

21 dicembre 2012 at 22:13

Meraviglioso

with 14 comments

Autunno

E’ vero
credetemi è accaduto
di notte su di un ponte
guardando l’acqua scura
con la dannata voglia
di fare un tuffo giù uh
D’un tratto
qualcuno alle mie spalle
forse un angelo
vestito da passante
mi portò via dicendomi
Così ih:
Meraviglioso
ma come non ti accorgi
di quanto il mondo sia
meraviglioso
Meraviglioso
perfino il tuo dolore
potrà apparire poi
meraviglioso
Ma guarda intorno a te
che doni ti hanno fatto:
ti hanno inventato
il mare eh!
Tu dici non ho niente
Ti sembra niente il sole!
La vita
l’amore
Meraviglioso
il bene di una donna
che ama solo te
meraviglioso
La luce di un mattino
l’abbraccio di un amico
il viso di un bambino
meraviglioso
meraviglioso…
ah!…

La notte era finita
e ti sentivo ancora
Sapore della vita
Meraviglioso
Meraviglioso….

meraviglioso
il bene di una donna
che ama solo te
meraviglioso
La notte ora finita
e ti sentivo ancora
l’amore della vita
Meraviglioso
Meraviglioso…

Written by Fasix

8 dicembre 2012 at 14:32

Quercia

with 19 comments

Mi sono sempre sentito forte, sicuro come la quercia nel campo.
Tutto attorno gli spazi delle praterie, e gli animali che arrivavano potevano bearsi della mia Ombra.
Passavano le stagioni e, ne il sole ne il vento ne le piogge potevano disturbarmi.
Gli inverni passavano ma il lasciare volare le mie foglie mi metteva al riparo del gelo.
Sapevo ritirare tutta la linfa dentro me stesso, e il ghiaccio poco poteva fare con me.
Rifiorivo di gemme ad ogni stagione, ed ero nuovamente nido per i voli viandanti.
Crescevo forte, nulla poteva contro me.
Ma poi un Giorno ecco il grigio pregno d’acqua avvicinarsi.
Il vento che mi era sempre stato nemico mi scuote come a volermi sussurrare qualcosa.
Tutto è possibile mi dico, tanto una tempesta che sarà?
Ma quel giorno la tempesta mi fu più nemica.
Non avevo sentore, portava con sè la foga dell’ imprevisto, del fato.
E sì, fui trafitto da quel lampo di vitalità divina che tutto può,
anche trafiggere la potente Quercia, tanto da spezzarla e ridurla in debole legna da ardere.
Fuoco che lambisce i miei rami, le foglie la linfa che sì tanto ho protetto nei rigidi inverni.
Lampo che come divino destino mi porta con sè nell’oblio di un ardere Eterno sino al
consumarsi di un’Intera Vita.

Written by Fasix

14 novembre 2012 at 21:56

I Colori dell’ Arcobaleno

with 5 comments

Potrei lasciarti andare, guardando il disegno indecifrabile di un palloncino che si perde nel cielo.

E potrei fare finta di sorridere alla gente e smettere di pensare… e smettere di pensare per non ricordare.
Potrei cullare le notti insonni con la tua canzone di Tom Waits potrei,potrei ma…

I colori dell’arcobaleno non possono fare a ameno della pioggia e del sole per disegnare il cielo. Io guardo la luce dopo la tempesta, ritornerà il sereno.

E vorrei tornare indietro nel tempo, trasformare chi sono. E vorrei viaggiare il sogno e lo spazio, corregere gli errori. E vorrei scrollarmi di dosso, vorrei smettere di cantare ma non posso e non lo farò perchè

I colori dell’arcobaleno non possono fare a ameno della pioggia e del sole per disegnare il cielo. Io guardo la luce dopo la tempesta, ritornerà il sereno.

I colori dell’arcobaleno non possono fare a meno della pioggia e del sole per disegnare il cielo.

Dolcenera.

Written by Fasix

23 febbraio 2012 at 08:04

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: